Sono stato il Bull di Giovanna Esse

  • Scritto da Giovanna Esse il 19/09/2021 - 18:30
  • 52 Letture

Prefazione

Ciao a tutti, vi voglio esporre un episodio, forse il più curioso che mi sia capitato, da quando mi occupo di racconti erotici e di blog di siti porno.

Ovviamente ho una rubrica di posta e quindi ricevo di tutto al mio indirizzo dedicato.

Qualche giorno fa è arrivata la storia che state per leggere, mi è arrivata sotto forma di “sfida”. L’autore, diciamo anonimo, racconta questa sua esperienza, che tra l’altro si sarebbe protratta nel tempo, in cui avrebbe avuto rapporti sessuali, anche estremi, sia con me che con il mio uomo.

La sfida consisteva nel fatto che, il mio sedicente Bull, voleva vedere se avrei avuto il coraggio di pubblicare tutta questa sua esposizione, riguardo agli incontri occasionali che ci avrebbero coinvolto eroticamente negli ultimi due anni.

Io la sua sfida l’ho accolta, anche perché, comunque avrebbe potuto pubblicarla dove gli pareva e… spargere le penne a suo piacimento. Quindi per rispetto alla sua “galanteria” e intravvedendo nelle sue parole anche un certo desiderio di rivalsa, non mi tiro indietro, ma nemmeno confermo la sua confessione.

Però, questa volta più che mai, credo di poter chiudere con la ormai classica espressione da romanzieri:

Qualsiasi riferimento a persone o fatti veramente accaduti nella realtà è da ritenersi del tutto casuale… oppure no?

Vi auguro buona lettura e buon divertimento, Giovanna Esse.

Richiedi il racconto integrale in PDF o eBook a GIOVANNA ESSE

1

Ecco la mia esperienza... e spero che sorprenda anche voi così come ha stupito me.

Sono un ragazzo di un paese interno della Campania, con tutte le caratteristiche tipiche della mia origine: non bellissimo, mai nemmeno immaginato di essere “play boy”, statura media e fisico tarchiato e molto robusto. Laureato, ma senza un lavoro fisso e definitivo.

Sono un tipo sornione, non timido ma riservato e, con le ragazze, ho avuto qualche esperienza sì, ma di tipo del tutto tradizionale, frequentazioni semplici soprattutto a scopo matrimoniale (da parte loro e delle famiglie, ovviamente). Il mio spirito libero e l’amore per la natura, per adesso, mi hanno “salvato” dai sacri vincoli.

Ebbene, in tutta questa pacifica presentazione manca solo un elemento e credo sia molto discordante con l’idea che ci si può fare di me, perché, nonostante tutto, io sono un “bull”...

Sì, avete letto bene!

Proprio quel tipo di “bull”. L’elemento essenziale per il classico triangolo: marito, moglie e amico… che si scopa la signora.

Il terzo, in quel sogno erotico che si chiama cuckold, ma meglio precisare però, sono un bull occasionale, non di quei tori da monta che si vedono nei filmini, magari neri e con un pene enorme.

Il mio cazzo è come me: corto, molto spesso e con un enorme glande, che, mi pare, non dispiace alle donne.

Ma veniamo alla mia avventura.

Alcuni anni fa feci amicizia virtuale con una donna, anche abbastanza famosa sul web e i Social per la sua “attività” artistica, di cui non posso dirò, per correttezza neppure il nome, a meno che lei non accetti la sfida e si palesi! (Giovanna, n. d. a.)

Ci incrociammo, fui sincero nel dimostrarle il mio apprezzamento per la sua bravura e, pur non sapendo che aspetto avesse dal vivo, nemmeno immaginavo di poter andare oltre un semplice e gradevole scambio di vedute.

Contrariamente alle mie intuizioni, la signora sembrava gradire la mia compagnia in chat. Lei stessa mi confessò di ricevere migliaia di messaggi dai contatti, ma davvero stupidi, inconsistenti, da parte di persone che, scioccamente, vagano “on line” alla ricerca di figa a buon mercato.

Il suo “mestiere” e il suo esibizionismo la portarono a inviarmi delle foto senza veli, era ovvio che le piaceva eccitare... e con me ci riuscì, naturalmente. Però mi disse subito che raramente faceva incontri. Quando ci conoscemmo un po’ meglio, a sorpresa, mi disse che se volevo provare ad andare oltre, avrei dovuto parlarne con suo marito.

Ora, non sono un troglodita né uno stupido, però sulle prime fui veramente sconcertato, ma poi il desiderio di farmela e la curiosità ebbero la meglio.

2

Col marito ci telefonammo, lui fu molto gentile e (si sentiva) uomo esperto e “manipolatore” al punto giusto. Ci incontrammo, solo con lui per il momento; dopo il classico caffè al Bar mi portò in una casa di villeggiatura.

Ero un po’ a disagio ma anche eccitato dalla clandestinità e dalla stranezza di quell’appuntamento. Dopotutto, pensateci, non capita tutti i giorni di discutere con un marito vizi e virtù di sua moglie e il sistema più opportuno per portarsela a letto...

In un vasto soggiorno, l’uomo mi mise a mio agio; mi spiegò che loro erano insieme da molti anni e avevano avuto un paio di esperienze, che includevano rapporti con un “terzo maschio”.

L’uomo che avevo di fronte era sulla sessantina... iniziai a pensare che, probabilmente, sua moglie fosse sua coetanea... “vuoi che vedere che le foto che mi ha inviato sono di 30 anni fa?” Non che fossi preoccupato ma, onestamente, mi aspettavo di meglio che scopare una “vecchia” che aveva l’età di mia madre, se non di più.

Comunque parlare di lei era eccitante e ascoltavo di buona lena, anche perché l’ambiente era accogliente e tenevo tra le mani un calice, di ottimo brandy invecchiato.

Poi lui mi chiese se volevo vedere sua moglie, e intendeva foto e video sul TV. Io dissi che andava bene.

Ora, quella che vidi nelle immagini non era certo una vecchia, bensì direi, una dea: bellissima, capelli lunghi e corvini, occhi che parlavano, un seno esplosivo con dei capezzoli (che avevo già avuto modo di apprezzare) turgidi come piccole dita. L’aspetto muliebre di donna matura (forse anche mamma), aggiungeva rotondità sensuali al suo personale.

Per la prima volta la vedevo tutta e, nei video, anche attiva in veri e propri video porno, seppur privati.

L’uomo mi chiese se la trovavo di mio gradimento e poi, usando le giuste parole, mi fece rilassare e apprezzare tanta bellezza, fino a chiedermi se poteva toccarmi il cazzo. Mi sorprese, certo, ma ero anche arrapato, e l’eccitazione gioca brutti scherzi, così accettai, con qualche perplessità.

Lui era seduto e mi fece mettere in piedi, mentre rapito seguivo le immagini delle scopate di sua moglie. Mi aprì la patta e mi accarezzò sapientemente i coglioni, fino a toccarmi delicatamente il cazzo. Mi stava toccando un uomo, eppure invece di ammosciare, la capocchia sembrava voler esplodere tanto mi tirava in quei momenti.

Chiese ancora se poteva prenderlo in bocca, e ancora accettai incapace di rifiutare.

Ve l’ho detto che ho avuto poche e brevi esperienza ma, devo ammettere che il pompino che mi fece l’anziano non ha eguali in quanto a eccitazione e piacere!

Tra video della moglie troia e succhiate ad arte del marito, dopo vari minuti di godimento lui seppe portarmi all’orgasmo. Non ci credevo, non me l’aspettavo, non sapevo cosa fare, se uscire dalla bocca, eccetera. Ma fece tutto lui e per me fu una bella esperienza: con fare esperto sembrò capire i miei ritmi, fino a farmi sburrare in maniera esagerata, tutto schizzato nella sua bocca e in gola. Bevve, succhiò tutto e non si allontanò, mentre aspettava che mi fossi calmato e fossi del tutto soddisfatto.

Dopo sborrato mi sentii a disagio. Ero cascato nella trappola e mi ero fatto spompinare da un maschio, esperienza molto estrema e mai desiderata.

Ed era pure un vecchio, cazzo!

E pensare che tante volte avrei potuto andare con una Trans, depilata, femminea e giovane, e al solo pensiero avevo provato un tale disagio da bloccarmi.

Me ne tornai a casa in tutta fretta, preoccupato riguardo all’integrità della mia sessualità.

Continua...

Richiedi il racconto integrale in PDF o eBook a GIOVANNA ESSE

Post New Comment

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e analizzare il nostro traffico. Si prega di decidere se si è disposti ad accettare i cookie dal nostro sito Web.